Alimentazione pezzi

Previous Image
Next Image

info heading

info content


Alimentatore pezzi da inviare in lavorazione
L’alimentatore, che non richiede alcun tipo di registrazione per adattarlo alle varie dimensioni di pezzi che è in grado di movimentare, consente di alloggiare fino a 90 pezzi in celle separate. Non è quindi necessaria l’utilizzazione di lastre perfettamente planari e ad ogni cella è possibile assegnare l’esecuzione di un programma diverso.

La movimentazione dei pezzi da inviare in lavoro avviene tramite cilindri che spingono il pezzo su specifici piani di scorrimento. Al termine del ciclo di alimentazione il pezzo in lavoro risulterà perfettamente in battuta sull’asse X. Sarà possibile inviare in lavoro anche pezzi di peso notevole senza mai rischiare che la presenza di trucioli o barre non perfettamente pulite possano compromettere la regolare movimentazione dei pezzi, inconveniente che invece si sarebbe potuto verificare se avessimo utilizzato una soluzione di presa del pezzo tramite ventose sotto vuoto.

Eliminando manualmente in modo alternato i vassoi su cui vengono montati i pezzi da inviare in lavorazione, sarà possibile montare anche pezzi di spessore notevolmente maggiorato vale a dire fino a 28 mm. Per rendere tali particolari compatibili con le staffe di bloccaggio, andranno preventivamente fresati lateralmente per portare tale spessore ad un massimo di 12 mm e questo per una larghezza per parte pari a 3 mm.

Su opzione dispositivo di espulsione pezzi lavorati
Al termine del ciclo di lavorazione, anche lo scarico dei pezzi lavorati può essere automatizzato in modo tale da tenerli separati dai trucioli prodotti dall’operazione di fresatura.